Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio Brent vola di nuovo a quota 80 dollari al barile
13/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio è di nuovo lanciato a livelli record. Per la seconda volta quest’anno il Brent ha superato nel corso della seduta la soglia di 80 dollari al barile, sui massimi dal 2014, mentre il Wti si è spinto sopra 71 dollari. La corsa è alimentata dalla speculazione ma ci sono anche motivi fondamentali: negli Usa è massima allerta per l’uragano Florence e c’è il tema Iran. L’export da Teheran crolla e le forniture alternative da Opec e Russia tardano.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’uragano non scuote il petrolio

Disastri climatici nel mirino di governi e popolazioni. Anche i mercati monitorano la situazione, specie quando si parla di materie prime, le più sensibili a eventi del genere
[leggi tutto…]

Armi spuntate dell’Authority contro i rischi di altri aggravi

A fronte dell’impennata che ha fatto salire sia il prezzo all’imgrosso dell’elettricità che quello del gas al Psv, l’Autorità ha attivato una delle pochissime (e limitate) armi di cui dispone
[leggi tutto…]

La speculazione soffia sui rincari e anche la Ue ha le mani legate

La riforma del mercato europeo dei diritti di emissione ha offerto un’occasione d’oro agli speculatori (e alle imprese) che hanno saputo intuirne la portata
[leggi tutto…]