Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il Brent vicino ai 50 dollari
17/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

L’eccesso di petrolio che negli ultimi due anni ha mandato a picco le quotazioni del barile è scomparso: questo mese la domanda si sta dimostrando superiore all’offerta. A constatarlo è Goldman Sachs e il suo parere, benché non isolato, orienta come al solito i mercati: il Brent, ai massimi da sei mesi, ha superato 49 dollari al barile e adesso punta con decisione verso quota 50 dollari. La banca americana fino a pochi giorni fa era convintamente schierata sul fronte dei ribassisti. Adesso, pur mantenendosi cauta, ha cambiato idea. A convincerla sono state le numerose e inaspettate interruzioni dell’offerta che si sono verificate nelle ultime settimane: non solo gli incendi in Canada - dove l’emergenza sta già gradualmente rientrando - ma anche e soprattutto il precipitare della situazione in Nigeria. La violenza è tornata ad esplodere nel Paese africano, riducendo la sua produzione petrolifera di oltre il 30%, ai minimi da 22 anni. Anche in Iraq, dove fino a poco tempo fa le estrazioni crescevano a ritmi, ci sono intoppi. E la gravissima crisi economica del Venezuela sta cominciando a ripercuotersi sull’industria petrolifera.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo, Andrea Franceschi (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]