Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il Brent vicino ai 50 dollari
17/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

L’eccesso di petrolio che negli ultimi due anni ha mandato a picco le quotazioni del barile è scomparso: questo mese la domanda si sta dimostrando superiore all’offerta. A constatarlo è Goldman Sachs e il suo parere, benché non isolato, orienta come al solito i mercati: il Brent, ai massimi da sei mesi, ha superato 49 dollari al barile e adesso punta con decisione verso quota 50 dollari. La banca americana fino a pochi giorni fa era convintamente schierata sul fronte dei ribassisti. Adesso, pur mantenendosi cauta, ha cambiato idea. A convincerla sono state le numerose e inaspettate interruzioni dell’offerta che si sono verificate nelle ultime settimane: non solo gli incendi in Canada - dove l’emergenza sta già gradualmente rientrando - ma anche e soprattutto il precipitare della situazione in Nigeria. La violenza è tornata ad esplodere nel Paese africano, riducendo la sua produzione petrolifera di oltre il 30%, ai minimi da 22 anni. Anche in Iraq, dove fino a poco tempo fa le estrazioni crescevano a ritmi, ci sono intoppi. E la gravissima crisi economica del Venezuela sta cominciando a ripercuotersi sull’industria petrolifera.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo, Andrea Franceschi (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]