Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio il braccio di ferro nel golfo
30/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

Secondo Maugeri il rialzo del prezzo del petrolio registrato in questi ultimi giorni non è necessariamente destinato a durare perché l’eccesso di offerta ancora permane e perché, nonostante le previsioni, il settore dello shale oil non è andato in bancarotta a causa del prezzo più basso del petrolio.

Fonte: La Repubblica, Affari e Finanza – Leonardo Maugeri (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

CO2, il balzo dei prezzi dei permessi di emissione nel 2019

Nel 2019 bastava un prezzo della CO2 di meno di 12 euro la tonnellata per rendere più conveniente la generazione a gas rispetto a quella a carbone. Nel 2019 il “prezzo” della CO2 (dei permessi Ets) è stato molto più alto,
[leggi tutto…]

Di Maio e tariffe gas Austria, interrogazione di Leu e +Europa a Conte

È urgente e fondamentale capire esattamente quale sia la posizione che il Governo italiano intende assumere rispetto al tema costi di importazione del gas naturale da altri paesi dell'Unione europea
[leggi tutto…]

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]