Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il barile tocca i minimi da agosto. Offerta ancora in crescita
20/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

È sempre l'abbondanza dell'offerta a tenere banco sui mercati petroliferi e a deprimere i prezzi del barile. Ieri il Brent durante la seduta è sceso ben sotto i 44 dollari al barile, per poi riportarsi sui livelli della seduta precedente; comunque dall'inizio del mese ha perso circa il 12% e dall'inizio dell'anno il 24% (sono sempre più lontani i massimi di 115 dollari toccati nel 2014). Il Wti, il greggio di riferimento per i mercati nordamericani, è sceso ai minimi di agosto sotto quota 40 dollari per poi recuperare qualche punto. E le previsioni parlano di ulteriori cedimenti, nonostante una ripresa in atto per la domanda mondiale, sulla scia di ulteriori aumenti dell'offerta, già decisamente superiori ai consumi. Basti pensare negli Usa la produzione continua a restare elevata e che le scorte - già a livelli da primato - continuano a salire.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza & Mercati – B. Ce. (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ceer-Acer, le raccomandazioni per la nuova legislazione gas

Aggiornare la legislazione e la regolazione comunitaria sul gas per facilitare la decarbonizzazione del settore energetico, promuovere un mercato interno dell’energia competitivo e massimizzare le opportunità del sector coupling
[leggi tutto…]

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]

Primato mondiale per petrolio e gas

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo, oltre che di gas naturale
[leggi tutto…]