Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il barile resta mini
12/06/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

L’annuncio di altri nove mesi di tagli alla produzione Opec e russa di greggio non ferma il declino del Brent. Dopo l’accordo di fine maggio per prolungare i tagli fino a marzo, il prezzo del barile ha continuato a perdere quota, tornando sotto i 50 dollari, con un calo del 10% rispetto al primo avvio del programma congiunto in dicembre e della metà rispetto al picco raggiunto nel 2014. Tanto che da Mosca arrivano i primi segnali di scetticismo sulle misure salvaprezzo. Igor Sechin, capo del colosso petrolifero russo Rosneft e fedele alleato del presidente Vladimir Putin, ha commentato l’andamento delle quotazioni mettendo in dubbio che i tagli possano contrastare, alla lunga, l’aumento di produzione del greggio da scisti americano. Negli ultimi giorni i russi e i sauditi, i due co-piloti di questa operazione, si sono impegnati in un grande sforzo per dimostrare la cooperazione tra i due Paesi, dichiarando l’intenzione di fare «tutto il possibile» per sostenere le quotazioni. L’estensione dell’accordo dimostra che non si torna indietro. Nella conferenza di fine maggio, i ministri dei due Paesi sono arrivati sulla stessa macchina e hanno tenuto solo conferenze stampa congiunte per dimostrare la stabilità di questa inusuale alleanza. Nel frattempo, però, l’industria petrolifera Usa ha dimostrato di poter prosperare anche a 50 dollari al barile, grazie alla rapida riduzione dei costi, che consente di accelerare le perforazioni. Il Dipartimento dell’Energia ha annunciato la scorsa settimana che la produzione Usa è aumentata di ulteriori 22.000 barili al giorno, a 9,3 milioni di barili al giorno, il livello più alto dall’agosto 2015. E il ritiro dall’accordo di Parigi sul clima porta gli analisti a pensare che la produzione americana potrebbe accelerare ancora.

Fonte: Corriere della Sera, L’Economia – Elena Comelli (pag. 56)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]