Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’ “annus horribilis” dei produttori
31/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo del greggio alla chiusura annuale del 2015 ha raggiunto i livelli minimi di undici anni fa, con il brent a quota 36,60 dollari ed il Wti a 36,70 dollari al barile. La forte crescita dello shale oil americano e le politiche dell’Opec imposte dall’Arabia Saudita hanno infatti prodotto la presente situazione, nella quale la domanda non tiene il passo dell’offerta e i prezzi sono in caduta libera.

Fonte: Il Sole 24 ore, Mercati globali – Roberto Bongiorni (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]