Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’ “annus horribilis” dei produttori
31/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo del greggio alla chiusura annuale del 2015 ha raggiunto i livelli minimi di undici anni fa, con il brent a quota 36,60 dollari ed il Wti a 36,70 dollari al barile. La forte crescita dello shale oil americano e le politiche dell’Opec imposte dall’Arabia Saudita hanno infatti prodotto la presente situazione, nella quale la domanda non tiene il passo dell’offerta e i prezzi sono in caduta libera.

Fonte: Il Sole 24 ore, Mercati globali – Roberto Bongiorni (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]