Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’accordo sveglia i prezzi (con prudenza)
09/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio è stato il protagonista assoluto della prima settimana di Borsa del 2017. L’accordo fra 13 Paesi Opec e 11 non-Opec, compresa la Russia, per un taglio secco alla produzione ha preso alla sprovvista i mercati e già alla fine della prima settimana dalla sua entrata in vigore le quotazioni del Brent europeo hanno superato i 57 dollari, oltre il doppio dei 27 toccati esattamente un anno fa. L’intesa prevede un taglio di quasi 1,8 milioni di barili al giorno per sei mesi, ma come sempre l’applicazione sarà tutta da verificare. E’ più probabile che i tagli si fermino attorno a 1,2 milioni di barili, anche se i rumor diffusi ad arte per rassicurare il mercato si susseguono, come quello sul comitato di monitoraggio, che dovrebbe riunirsi per la prima volta già il 13 gennaio.

Fonte: Corriere della Sera – Corriere Economia – Elena Comelli (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]