Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’accordo sveglia i prezzi (con prudenza)
09/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio è stato il protagonista assoluto della prima settimana di Borsa del 2017. L’accordo fra 13 Paesi Opec e 11 non-Opec, compresa la Russia, per un taglio secco alla produzione ha preso alla sprovvista i mercati e già alla fine della prima settimana dalla sua entrata in vigore le quotazioni del Brent europeo hanno superato i 57 dollari, oltre il doppio dei 27 toccati esattamente un anno fa. L’intesa prevede un taglio di quasi 1,8 milioni di barili al giorno per sei mesi, ma come sempre l’applicazione sarà tutta da verificare. E’ più probabile che i tagli si fermino attorno a 1,2 milioni di barili, anche se i rumor diffusi ad arte per rassicurare il mercato si susseguono, come quello sul comitato di monitoraggio, che dovrebbe riunirsi per la prima volta già il 13 gennaio.

Fonte: Corriere della Sera – Corriere Economia – Elena Comelli (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]