Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Se il petrolio va a 100 dollari occhio ai prezzi e alla Bce
15/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il rischio di un surriscaldamento del greggio rimane, nonostante l’Opec si sia dichiarata ieri pronta a colmare la possibile flessione dell’export iraniano. Del resto, sullo scenario petrolifero incombe anche il peso ingombrante della crisi venezuelana, dalla quale può derivare un buco produttivo di 500mila barili al giorno nei prossimi mesi. Bank of America ipotizza che il prezzo del greggio potrebbe toccare i 100 dollari nel secondo semestre 2019, dopo aver raggiunto già i 90 dollari nella prima parte dell’anno prossimo.  Si tratta di livelli non privi di conseguenze negative. La prima, e la più vistosa, sarebbe un rincaro dei carburanti. C’è però un’altra variabile da considerare: all’Opec e ai Paesi esteri al Cartello conviene un barile a 100 dollari? Secondo molti analisti, no. I 70-80 dollari – osservano – sono un range equilibrato: permette ai produttori di intascare buoni profitti, è sostenibile dalle industri mondiali e non prova scosse ai prezzi dei beni di consumo.

Fonte: Il Giornale – Rodolfo Parietti (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]