Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrobras, la corruzione è costata 2 miliardi di $
24/04/2015 - Pubblicato in news internazionali

Secondo un’inchiesta avviata nel marzo del 2014 i dirigenti della Petrobras gonfiavano i contratti per costruire le infrastrutture petrolifere e con parte dei ricavati finanziavano la campagna elettorale del Partito del lavoratori (Pt) della presidente Dilma Rousseff. Nell’inchiesta sono indagati più di quaranta politici, tra cui i presidenti di entrambe le camere del congresso, e il tesoriere del Pt, João Vaccari Neto è stato arrestato. La presidente ha diretto il consiglio di amministrazione della compagnia fino al 2010, ma nega il suo coinvolgimento nel caso ed è stata esonerata dall’indagine dal procuratore generale. La tanto attesa pubblicazione del bilancio di Petrobras - finalmente certificato «senza riserve» - ha allontanato lo spauracchio del default, a un passo dallo scadere dell’ultimatum dei creditori: se entro il 30 aprile avesse fatto luce sui conti, la società avrebbe rischiato di dover rimborsare obbligazioni per oltre 50 miliardi di $, in mano a investitori di tutto il mondo. In totale a fine 2014 il debito della compagnia ammontava a 106,2 miliardi, un record assoluto nel settore petrolifero. Nel frattempo Petrobras ha deciso di sospendere il dividendo, cosa che non faceva dal 1986, e annunciato pesanti riduzioni del piano di investimenti, cruciale per sviluppare le ricche risorse petrolifere scoperte in mare nel 2006-2007, che avevano spinto gli analisti ad attribuire un ruolo di primo piano al Brasile nel soddisfare il futuro fabbisogno di petrolio nel mondo.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]