Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Perforazioni Eni a segno in Messico
13/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Eni ha perforato e testato con successo il pozzo Amoca-3 nelle acque poco profonde della baia di Campeche in Messico, incontrando un importante accumulo di olio in vari livelli reservoir delle formazioni Orca e Cinco Presidentes. Il pozzo ha raggiunto una profondità finale di 4.330 metri. La campagna esplorativa nell’Area 1 proseguirà con la perforazione del primo appraisal della scoperta Mizto’n. In questo modo Eni è in grado di aumentare le stime di risorse per il campo di Amoca a un miliardo di barili di olio equivalente e quelle complessive dell’area contrattuale 1 a 1,3 miliardi di boe in posto, di cui il 90% costituiti da olio, con ulteriori margini di crescita. La società intende presentare entro quest’anno un piano di sviluppo accelerato e realizzato per fasi, con l’obiettivo di arrivare al primo olio a inizio 2019. L’a.d. Claudio Descalzi ha parlato di «un progetto ideale in questo scenario di bassi prezzi del petrolio: Eni conta di diventare la prima società internazionale ad avere una produzione operata in Messico».

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]