Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Perforato il quinto pozzo di Zohr
02/09/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A un anno preciso dalla sua scoperta, non si ferma il processo per portare alla completa operatività il giacimento Zohr. Ieri Eni  ha perforato con successo il quinto pozzo della struttura, Zohr 5x, al largo delle coste dell’Egitto, dodici chilometri a sud-ovest di Zohr 1x, il pozzo attraverso cui è stato scoperto il giacimento. Il sito è a 1.538 metri di profondità d’acqua e 4.350 metri di profondità complessiva. Questa perforazione ha permesso di confermare la presenza nella zona sud-ovest del giacimento della stessa struttura a «reservoir carbonatico e mineralizzazione a gas riscontrate nel resto del sito», dice un nota di Eni , che aggiunge come siano «presenti 180 metri di una colonna continua di gas in rocce-serbatoio con eccellenti proprietà». Tutti i dati acquisiti e analizzati nella prova confermano la grande capacità produttiva delle rocce-serbatoio dell’area sud-ovest del sito, con portate analoghe a quelle registrate a Zohr 2x. Questa nuova trivellazione ha permesso anche di accertare il potenziale complessivo di Zohr, stimato in 850 miliardi di metri cubi di gas.

Fonte:MF – Antonio Lusardi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]