Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Le perdite di Eni a 1,2 miliardi Su la produzione
30/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Debolezza del prezzo di petrolio e gas e fermo dell’impianto lucano in Val d’Agri: i conti di Eni chiudono in rosso per il secondo trimestre del 2016 e con una perdita netta di 446 milioni di euro che, sommata a quella di gennaio-marzo, arriva a quota 1.242 miliardi il passivo della società. Ma l’ad del gruppo Descalzi conferma comunque i target e i progetti di sviluppo perché guarda alla produzione e perché può contare su una struttura patrimoniale solida. Nel caso della produzione, nonostante la Basilicata e le interruzioni in Nigeria, l’incremento produttivo compensa quei cali e supera le attese. Nel caso della struttura patrimoniale invece, la solidità, che è fondata sull’auto-finanziamento degli investimenti a un prezzo del brent di 50 dollari al barile, permette al numero uno di Eni di riconfermare la proposta di un acconto sul dividendo pari a 40 centesimi ad azione.

Fonte: Corriere della Sera – R. Po (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]