Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Non c’è pace tra gli ulivi
12/04/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non c’è pace tra gli ulivi di Meledugno, in provincia di Lecce. Non c’è pace per il Tap (Trans Adriatic Pipeline), il gasdotto che, dopo aver attraversato Turchia, Grecia, Albania e Adriatico, approderà qui per rifornire l’Italia di gas. Ieri i No Tap hanno fatto sentire di nuovo la loro voce contro il cantiere nella zona San Felice, a San Foca, piccolo comune di pescatori a due passi da Meledugno. In fastiditi dalla messa a punto di una recinsione intorno al luogo da protegge e nel tentativo di impedire ai mezzi della multinazionale di entrare nel cantiere, poco prima dell’alba di ieri, gli attivisti No Tap, si sono piazzati sulla strada provinciale 145; qui hanno costruito un muretto con dei mattoni cementizi, poi hanno dato fuoco ad un cassonetto dei rifiuti. E quando è arrivata la polizia, questa è stata accolta con una sassaiola. Due giorni fa, Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, si era sorbito la contestazione di alcuni manifestanti mentre veniva proiettato un documentario sulla battaglia No Tap. Ieri Stefano Laullu, esponente di Forza Italia ha detto che i No Tap non rappresentano soltanto una minaccia ma sono anche un fastidioso ostacolo per la crescita del paese.

Fonte: Libero – Tiziana Lapelosa (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]