Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Oro e petrolio di nuovo in luce
22/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il rimbalzo è arrivato proprio quando nessuno se lo aspettava. Oro e petrolio, i grandi sconfitti degli investimenti negli ultimi 24 mesi, hanno rialzato la testa e di colpo sono state riscoperte le loro virtù come beni rifugio. Tanto che oggi in molti si interrogano sull’opportunità di tornare a puntare su queste soluzioni in una fase di prolungata volatilità per le altre asset class. Sul petrolio, per Morgan Stanley la media di 30 dollari al barile è lo scenario di base per i prossimi dodici mesi, dato che sul mercato esiste un eccesso di produzione. Occorrerà attendere almeno il 2018 per rivedere un livello intorno agli 80 dollari. Christophe Bernard, chief strategist di Vontobel, invece, ritiene probabile un rialzo dei prezzi del greggio già nella seconda metà del 2016, pur senza l’attesa di particolari balzi.

Fonte: Italia Oggi 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]