Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ora Saipem se la gioca in difesa
24/02/2017 - Pubblicato in news nazionali

Una coda di ulteriori oneri e svalutazioni per 162 milioni di euro nell’ultimo spicchio dello scorso anno e la debolezza del mercato petrolifero hanno penalizzato ancora Saipem, che ha centrato solo in parte gli obiettivi di bilancio. Il 2016, stando ai dati preliminari comunicati ieri dalla società di ingegneria petrolifera, si è chiuso con un risultato netto negativo per circa 2 miliardi di euro, accusando svalutazioni e oneri da riorganizzazione per ben 2,3 miliardi, che si confrontano con i -806 milioni dell’esercizio 2015, quando le perdite di valore avevano pesato per 298 milioni. Non è del tutto una sorpresa comunque, perché, come ricordato dall’amministratore delegato Stefano Cao, già in occasione dei conti dei nove mesi il mercato era stato avvertito del fatto che l’impatto definitivo degli impairment test si sarebbe rivelato interamente solo alla fine dell’esercizio. Su questa base Saipem  affronta un 2017 che presenta ancora molte incognite. La ripartenza vera e propria è rinviata al 2018. Tornando ai numeri del 2016, i ricavi si sono fermati appena al di sotto dell’asticella dei 10 miliardi di euro, a 9,976 miliardi, in calo rispetto agli 11,5 del 2015.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]