Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec spinge per ottenere forti tagli anche da Mosca
25/11/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

L’Opec sta spingendo per ottenere robusti tagli di produzione di petrolio anche da paesi che non appartengono all’Organizzazione. La richiesta potrebbe essere di una riduzione di 880mila barili al giorno, per sei mesi a partire dal 1° gennaio. Se venissero attuati, si tratterebbe di tagli poderosi, capaci di portare in deficit il mercato del petrolio, accelerando lo smaltimento delle scorte. Restano ancora diversi ostacoli da rimuovere: nell’Opec ci sono riserve sia da parte dell’Iran che, in parte, dell’Iraq, mentre il russo Novak  ha di nuovo ribadito che preferirebbe limitarsi a congelare la produzione. Lunedì a Vienna, due giorni prima del vertice, è stato fissato un altro incontro tecnico tra funzionari dell’Opec e di alcuni paesi non Opec.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Red. (44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]