Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec spinge per ottenere forti tagli anche da Mosca
25/11/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

L’Opec sta spingendo per ottenere robusti tagli di produzione di petrolio anche da paesi che non appartengono all’Organizzazione. La richiesta potrebbe essere di una riduzione di 880mila barili al giorno, per sei mesi a partire dal 1° gennaio. Se venissero attuati, si tratterebbe di tagli poderosi, capaci di portare in deficit il mercato del petrolio, accelerando lo smaltimento delle scorte. Restano ancora diversi ostacoli da rimuovere: nell’Opec ci sono riserve sia da parte dell’Iran che, in parte, dell’Iraq, mentre il russo Novak  ha di nuovo ribadito che preferirebbe limitarsi a congelare la produzione. Lunedì a Vienna, due giorni prima del vertice, è stato fissato un altro incontro tecnico tra funzionari dell’Opec e di alcuni paesi non Opec.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Red. (44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]