Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec snobba Trump la produzione non cresce e il greggio vola ai massimi
25/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Da un lato ci sono le preoccupazioni politiche del presidente Usa, Donald Trump, impegnato nella campagna elettorale di metà mandato. A queste si contrappongono gli interessi dei paesi produttori, i quali non hanno intenzione – per il momento – di intervenire per calmierare i prezzi aumentando la produzione. Nel mezzo, si trovano le compagnie petrolifere private, le quali firmerebbero per un prezzo stabile tra i 70 e gli 80 dollari: oltre potrebbe essere un freno alla crescita delle economie emergenti asiatiche, con il conseguente crollo dei prezzi. Sono queste le principali conseguenze delle nuova fiammata del prezzo del petrolio, in salita da oltre un mese, dopo i minimi toccati attorno a Ferragosto.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 31)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]