Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec sì in extremis all’intesa. Ma il prezzo del greggio sale
23/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

È stato un lungo braccio di ferro, ma alla fine l’Opec non si è spaccata. Il vertice dell’Organizzazione si è concluso con l’impiego a portare più petrolio sul mercato: in teoria fino a un milione di barili al giorno aggiuntivi, insieme alla Russia e agli altri alleati. Sull’altare dell’unità il gruppo ha però dovuto fare sacrifici importanti. E la vittima principale in fin dei conti sembra essere l’Iran che rischia di consegnare ad altri Paesi Opec la sua quota di mercato. Per estrarre di più bisognerà coordinarsi con il comitato di monitoraggio sui tagli, che vigilerà affinché non ci siano “abusi” e affinché l’aumento di offerta non sia eccessivo. In pratica è ben possibile che le perdite di greggio iraniano legate alle sanzioni saranno compensate in fretta, proprio come voleva la Casa Bianca, con forniture saudite o di quei pochi altri produttori in grado di riaprire i rubinetti: gli Emirati arabi uniti, il Kuwait e tra i non Opec la Russia. Per ora il mercato ha reagito con ulteriori rialzi di prezzo alle notizie da Vienna.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Russia-Ucraina, ancora nessun accordo sul transito di gas

Nessuna decisione concreta ma l’impegno a continuare a lavorare per arrivare a un accordo prima della fine dell’anno, quando scadrà il contratto di transito del gas verso l’Europa.
[leggi tutto…]

Settimana Ue: il gas nel trilaterale Ue-Russia-Ucraina

Lo stato delle relazioni tra Ue e Russia è il primo punto in programma nella riunione della Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento europeo.
[leggi tutto…]

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]