Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec prova a frenare Libia e Nigeria
11/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec sta provando a mettere un freno alla produzione di petrolio di Libia e Nigeria, che è cresciuta a sorpresa negli ultimi mesi, al punto da neutralizzare un terzo dei tagli effettuati dall’Organizzazione e dai suoi alleati. È stato il Governo russo a rivelare che rappresentanti dei due Paesi, finora esentati dai tetti produttivi, sono stati invitati a San Pietroburgo il 24 luglio, per la riunione del Comitato di monitoraggio sui tagli. L’iniziativa ha arginato le vendite sui mercati petroliferi, ma il recupero delle quotazioni del barile è stato comunque modesto: +0,4%, con il Brent a 46,88 dollari e il Wti a 44,40 $ a fine seduta. Lo scetticismo è comprensibile. Libia e Nigeria, che rispetto a ottobre stanno estraendo 600mila bg in più (a fronte di tagli Opec-non Opec per 1,8 milioni di bg), non sembrano disposte a fermarsi. Il ministro nigeriano Emmanuel Ibe Kachikwu, che pure si era detto disponibile a fare la sua parte in caso di recupero dell’output, ha già detto che non andrà in Russia, per un precedente impegno. E comunque chiede «qualche mese per vedere se il recupero è permanente e sostenibile». Dalla Libia intanto Mustafa Sanalla, a capo della National Oil Corporation (Noc), fa sapere che il suo Paese – che oggi estrae 1 mbg, il massimo da 4 anni, ma punta ad arrivare a 1,2 mbg – può al massimo «informare l’Opec e i mercati dei suoi piani sul recupero della produzione». «La situazione politica, umanitaria ed economica della Libia – sottolinea Sanalla – dev’essere tenuta in conto se dobbiamo parlare di tetti alla produzione».

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]