Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec pronta a dare più petrolio
24/09/2018 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Le “quattro streghe” non spaventano Wall Street, ancora a passo di record, mentre sul mercato petrolifero si materializza la possibilità di un aumento di 500mila barili al giorno da parte dell’Opec e dei Paesi esterni al Cartello, a cominciare dalla Russia. L’effetto dei rumor è stato immediato: arrivato a guadagnare il 2% con un massimo intraday di 10 mesi vicino ai 72 dollari, il Wti ha poi quasi azzerato i guadagni. Con probabile soddisfazione di Donald Trump che giovedì scorso era tornato alla carica, accusando in un tweet l’Opec di “spingere per prezzi del petrolio sempre più alti” e intimando correzioni  al ribasso delle quotazioni. Il maggior sforzo che il Cartello potrebbe sostenere insieme a Mosca è teso a compensare il buco produttivo, al momento non ancora stimabile, dell’Iran. Resta da capire se la misura sarà confermata. Il Paese degli ayatollah aveva fatto sapere qualche giorno fa di considerare “finito” l’accordo che l’Opec e alcuni importanti produttori raggiunsero nel 2016 per tagliare la produzione e rilanciare i prezzi Opec.

Fonte: Il Giornale, Economia – Red. (pag.20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]