Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec prende tempo su proroga dei tagli e problema Nigeria
23/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec comincia a vedere ricompensati i sacrifici. La domanda di petrolio accelera e le scorte si stanno riducendo sempre più in fretta. Il paniere dei greggi estratti dall’Organizzazione giovedì valeva 54,59 $/barile. Anche sui mercati dei futures le quotazioni continuano a rafforzarsi: il Brent è in rialzo di oltre il 25% da giugno: ieri ha chiuso a 56,86 $/barile, il massimo da gennaio. Libia e Nigeria, nonostante la forte ripresa della produzione, continuano a resistere alle pressioni per un ripristino delle quote. Non c’è ancora un accordo dei tagli Opec-non Opec. È ancora troppo presto per concrete discussioni sull’estensione dei tagli. Le solite esibizioni di coesione e determinazione del gruppo non sono mancate: Al Marzouq ministro del Kuwait ha dischiarato che il percorso intrapreso è quello giusto.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]