Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec prende tempo su proroga dei tagli e problema Nigeria
23/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec comincia a vedere ricompensati i sacrifici. La domanda di petrolio accelera e le scorte si stanno riducendo sempre più in fretta. Il paniere dei greggi estratti dall’Organizzazione giovedì valeva 54,59 $/barile. Anche sui mercati dei futures le quotazioni continuano a rafforzarsi: il Brent è in rialzo di oltre il 25% da giugno: ieri ha chiuso a 56,86 $/barile, il massimo da gennaio. Libia e Nigeria, nonostante la forte ripresa della produzione, continuano a resistere alle pressioni per un ripristino delle quote. Non c’è ancora un accordo dei tagli Opec-non Opec. È ancora troppo presto per concrete discussioni sull’estensione dei tagli. Le solite esibizioni di coesione e determinazione del gruppo non sono mancate: Al Marzouq ministro del Kuwait ha dischiarato che il percorso intrapreso è quello giusto.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]