Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec messa alla prova da shale oil, Libia e Nigeria
10/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

I sauditi promettono di fare qualsiasi cosa serva per risollevare il mercato del petrolio. Il concorrente numero uno resta lo shale oil, che cresce rapidamente e sta portando gli Usa al traguardo dei 10 milioni di barili al giorno del 2018. L’Eia, Energy Information Administration, prevede per quest’anno una media di 9,3 mbg negli Usa. Anche paesi membri dell’Opec stanno accelerando le estrazioni. La Libia è appena arrivata a 800 mila bg, livello record da ottobre 2014. Anche la Nigeria potrebbe aggiungere altri 200 mila bg al mercato, con le ultime riparazioni all’oleodotto Forcados, chiuso da febbraio 2016.

Fonte: Il Sole24Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag.24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal carbone al gas, Enel accelera la riconversione

La richiesta era stata presentata a gennaio e ora Enel ha avuto il via libera dal Ministero dello Sviluppo Economico per chiudere in anticipo, già a partire da gennaio prossimo, il gruppo 2 della centrale a carbone Federico II di Brindisi.
[leggi tutto…]

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]