Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec attacca i signornò che dubitano della sua forza
04/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Anche l’Opec dichiara guerra ai «gufi». Col prezzo del petrolio schiacciato dal crescente scetticismo verso l’ipotesi di tagli di produzione, l’Organizzazione entra in polemica diretta con gli analisti. Lo fa con un raro intervento scritto: un editoriale dai toni molto duri, pubblicato sulla sua rivista mensile, in cui attacca i «disgraziati signornò» che si permettono di dubitare della sua importanza. «Gli osservatori dell’industria dovrebbero ricordarsi di non essere troppo sbrigativi nel giudicare l’Organizzazione o i suoi paesi membri - si legge nell’Opec Bulletin - Negli anni abbiamo visto come le loro previsioni si siano rivelate enormemente inaccurate». Molti, prosegue il testo, non sono riusciti a riconoscere la «grande forza» dell’Opec, che risiede nella sua diversità e nella portata internazionale. «Col passare degli anni e con l’evoluzione del mercato l’importanza del ruolo dell’Opec è in effetti soltanto cresciuta, smentendo ancora una volta tutti quei disgraziati signornò».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]