Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec fa l’accordo e la benzina rincara subito

Non saranno certo i tre euro in più a pieno rispetto allo scorso anno a far traballare le finanze delle famiglie italiane, anche se l’aumento scatta proprio sotto le feste natalizie. Quello che infastidisce è piuttosto la consueta tempestività con la quale le compagnie petrolifere adeguano i prezzi dei carburanti ai rincari del greggio, paragonata alla lentezza che quell’adeguamento subisce quando il petrolio scende. La sequenza è rapida. Sabato 10 dicembre: i Paesi Opec e non Opec firmano l’accordo per ridurre la produzione di greggio. Lunedì 12: il Wti schizza oltre 54 dollari e il Brent sfiora i 58. Ieri: rincaro dei carburanti. Il copione è sempre lo stesso. Stessa asimmetria di riflessi tra rialzi e ribassi. Tenendo conto che solo in parte il ritardato adeguamento dei carburanti, in fase di discesa del greggio, si giustifica con la rigidità della componente fiscale, che pesa sicuramente ma non spiega proprio tutto.

Fonte: La Repubblica – Ettore Livini (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]