Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec fa l’accordo e la benzina rincara subito

Non saranno certo i tre euro in più a pieno rispetto allo scorso anno a far traballare le finanze delle famiglie italiane, anche se l’aumento scatta proprio sotto le feste natalizie. Quello che infastidisce è piuttosto la consueta tempestività con la quale le compagnie petrolifere adeguano i prezzi dei carburanti ai rincari del greggio, paragonata alla lentezza che quell’adeguamento subisce quando il petrolio scende. La sequenza è rapida. Sabato 10 dicembre: i Paesi Opec e non Opec firmano l’accordo per ridurre la produzione di greggio. Lunedì 12: il Wti schizza oltre 54 dollari e il Brent sfiora i 58. Ieri: rincaro dei carburanti. Il copione è sempre lo stesso. Stessa asimmetria di riflessi tra rialzi e ribassi. Tenendo conto che solo in parte il ritardato adeguamento dei carburanti, in fase di discesa del greggio, si giustifica con la rigidità della componente fiscale, che pesa sicuramente ma non spiega proprio tutto.

Fonte: La Repubblica – Ettore Livini (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]