Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ondata di gelo negli Usa fa correre il gas naturale
27/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il grande freddo negli Stati Uniti risolleva le quotazioni del gas naturale. Al Nymex i prezzi sono balzati in maniera vistosa dai minimi di dicembre. Anche gli ultimi dati sulle scorte evidenziano un calo degli stock superiore alle attese. Nell’ultima rilevazione settimanale le giacenze sono scese di 288 miliardi di metri cubi rispetto ai 277 attesi dal mercato. Una nuova ondata di gelo è attesa per fine mese a partire dal Midwest e le quotazioni restano sostenute. Gli stock complessivi di gas naturale sono il 17% al di sotto della media degli ultimi 5 anni e la stagionalità è ancora a sostegno dei consumi. Le forniture sono salite in particolar modo nel Sud e nella fascia Est del paese, quella più colpita dall’ondata di gelo e dal vortice polare con temperature che non si registravano da decenni. Quello che ha spiazzato il mercato nelle ultime settimane è stato il fatto che i precedenti due inverni erano stati particolarmente miti e inoltre la produzione di gas naturale è salita a livelli record. Questo, nelle aspettative degli investitori, avrebbe dovuto tener bassi i prezzi. Alla fine del 2017 gli hedge fund e gli altri money manager continuavano a scommettere sui ribassi della materia prima energetica con i prezzi che erano scesi, a dicembre, ai minimi degli ultimi 10 anni.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Andrea Gennai (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

0,5 milioni di barili al giorno: è il deficit di offerta di petrolio stimato dall’Aie per il secondo trimestre del 2019

Il mondo si potrebbe trovare senza petrolio.
[leggi tutto…]

L’Italia, tagliata fuori dalle rotte del gas, perde la partita

L’Italia sembra aver già perso l’opportunità di diventare hub del gas.
[leggi tutto…]

Italia-Cina, domani intese per Eni e Snam

"Con Bank of China sarà firmato nella giornata di sabato 23 marzo, un Memorandum of Understanding che rafforza la collaborazione su vari strumenti finanziari tra Eni e Bank of China".
[leggi tutto…]