Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)
22/07/2019 - Pubblicato in news internazionali

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio. Lo scorso 30 giugno, infatti, il ministero del Commercio ha approvato la «Lista Negativa 2019» sia per gli investimenti in tutto il Paese, sia in quelli nelle Free Trade Zone. A questi si aggiunge la revisione della lista delle operazioni incoraggiate in Cina. Dalla fine del mese non sarà più obbligatorio avere un partner cinese nelle esplorazioni di petrolio e gas, una decisione salutata con favore dalle grandi compagnie straniere. Le aziende italiane potrebbero essere interessate, inoltre, alle modifiche che riguardano partecipazioni nelle reti del gas e del riscaldamento nelle città superiori a 500 mila abitanti. Il governo di Pechino ha stabilito un aumento degli ambiti in cui gli investimenti sono promossi, con particolare attenzione per i settori altamente specializzati. Il provvedimento riguarda anche il settore dei servizi. L’esigenza di rafforzare un tasso di crescita del Pil in costante rallentamento e le pressioni della guerra commerciale statunitense, fanno però presagire ulteriori aperture in tempi brevi.

Fonte: Corriere della Sera, l’economia – Filippo Fasulo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]