Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Oggi a Baku si ridefinisce l’assetto del mercato del gas nell’Europa Meridionale
15/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’energia, oltre a essere fondamentale per la sicurezza  e lo sviluppo del Paese, è anche un settore in continua evoluzione grazie all’applicazione di sempre più avanzate tecnologie, che nel tempo hanno rivoluzionato le tecniche di estrazione dei combustibili e ne hanno ampliato la distribuzione. Un importante round della grande partita energetica globale avrà luogo a Baku. La capitale dell’Azerbaigian, ospiterà infatti oggi la quarta riunione ministeriale del Consiglio Consultivo del Corridoio Meridionale del Gas. Alla convention parteciperanno i ministri dell’Energia dei Paesi attraversati dal corridoio insieme ai rappresentanti della Commissione Ue e del governo Usa. Carlo Calenda ha sottolineato come l’Italia – in assenza di altre fonti di approvvigionamento – avrebbe solo pochi giorni di autonomia, scaduti i quali la prospettiva per la nazione sarebbe restare al freddo e al buoi. Una situazione risolvibile solo con un’attenta politica di riduzione della dipendenza energetica tramite la moltiplicazione delle fonti di fornitura.  Il positivo impatto sulla loro stabilità, peraltro, consentirebbe anche una contestuale diminuzione dei prezzi della materia prima grazie alla concorrenza, con il conseguente aumento della competitività delle imprese italiane e un sollievo per le famiglie, che vedrebbero ridursi la bolletta energetica.

Fonte: MF – Daniele Lazzeri (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]