Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’offerta di petrolio cala ma ora c’è troppa benzina
16/07/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Non è più il surplus di petrolio ad allarmare il mercato, bensì quello di carburanti. È stata proprio l’abbondanza di greggio a basso costo - che ha garantito a lungo margini generosi, come non si vedevano da anni - a spingere le raffinerie ad accelerare le lavorazioni. Ma la crescita dei consumi, per quanto robusta, non è riuscita a tenere il passo. Nel primo trimestre, denuncia l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), l’incremento della produzione di carburanti ha superato del 60% quello dei consumi. Oggi i serbatoi di stoccaggio sono pieni e i terminal petroliferi intasati. Gli stoccaggi galleggianti sono ai massimi dal 2009: 95 milioni di barili in giugno, stima l’Aie, più del petrolio che viene estratto in un giorno in tutto il mondo. Le scorte hanno comunque iniziato a calare in maniera graduale grazie a consumi sostenuti e a un calo della produzione che in alcune aree del mondo è decisamente marcato.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]