Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’offerta di petrolio cala ma ora c’è troppa benzina
16/07/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Non è più il surplus di petrolio ad allarmare il mercato, bensì quello di carburanti. È stata proprio l’abbondanza di greggio a basso costo - che ha garantito a lungo margini generosi, come non si vedevano da anni - a spingere le raffinerie ad accelerare le lavorazioni. Ma la crescita dei consumi, per quanto robusta, non è riuscita a tenere il passo. Nel primo trimestre, denuncia l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), l’incremento della produzione di carburanti ha superato del 60% quello dei consumi. Oggi i serbatoi di stoccaggio sono pieni e i terminal petroliferi intasati. Gli stoccaggi galleggianti sono ai massimi dal 2009: 95 milioni di barili in giugno, stima l’Aie, più del petrolio che viene estratto in un giorno in tutto il mondo. Le scorte hanno comunque iniziato a calare in maniera graduale grazie a consumi sostenuti e a un calo della produzione che in alcune aree del mondo è decisamente marcato.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal carbone al gas, Enel accelera la riconversione

La richiesta era stata presentata a gennaio e ora Enel ha avuto il via libera dal Ministero dello Sviluppo Economico per chiudere in anticipo, già a partire da gennaio prossimo, il gruppo 2 della centrale a carbone Federico II di Brindisi.
[leggi tutto…]

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]