Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Obiettivi e priorità della Strategia energetica nazionale
24/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

In coerenza con l'evoluzione del contesto internazionale ed italiano, i macro-obiettivi già identificati nella SEN 2013, possono essere considerati ancora attuali: 1) migliorare la competitività del Paese, continuando a ridurre il gap di prezzo e costo dell'energia rispetto alla UE e assicurando che la transizione energetica di più lungo periodo (2030-2050) non comprometta il sistema industriale italiano ed europeo a favore di quello extra-UE; 2) Traguardare in modo sostenibile gli obiettivi ambientali e di de-carbonizzazione al 2030 definiti a livello europeo, con un’ottica ai futuri traguardi stabiliti nella COP21 e in piena sinergia con la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile; 3) Continuare a migliorare la sicurezza di approvvigionamento e la flessibilità e sicurezza dei sistemi e delle infrastrutture. A tale riguardo, la nuova Strategia Energetica Nazionale, nella consapevolezza delle interrelazioni reciproche tra i tre obiettivi e della disponibilità finita di risorse pubbliche, si propone di perseguire gli obiettivi in maniera coerente ed equilibrata. In merito alla competitività del Paese, il miglioramento della competitività richiede opportune soluzioni per ridurre i differenziali di costo e prezzo dell'energia, e in particolare per azzerare il gap di costo tra il gas italiano e quello del nord Europa, nel 2016 pari a circa 2 €/MWh; ridurre il gap sui prezzi dell'elettricità rispetto alla media UE, pari a circa 35 €/MWh1 nel 2015 per la famiglia media2 e intorno al 25% in media per le imprese; garantire strumenti in grado di mantenere la competitività delle produzioni industriali più energivore, prevenendo i rischi di delocalizzazione e tutelando l'occupazione. In quanto alla de-carbonizzazione del sistema energetico: Il l Quadro per l'Energia e il Clima al 2030 insieme al “Pacchetto Energia Pulita per tutti” (Clean Energy Package) definisce nuovi e sfidanti obiettivi comunitari al 2030. A inizio gennaio 2018 l'Italia dovrà presentare, con la prima versione del Piano Nazionale Energia e Clima, il proprio contributo agli obiettivi europei sulla base della sostenibilità complessiva degli interventi e del potenziale dei singoli settori. In quest'ottica appare necessario promuovere ulteriormente la diffusione delle tecnologie rinnovabili basso-emissive che hanno o stanno raggiungendo la maturità; l'Italia, dato il suo posizionamento geografico, ha a disposizione un importante potenziale accessibile da sfruttare per conseguire il target, e può farlo a costi di sistema più contenuti rispetto al passato. L'Italia dovrà favorire interventi di efficienza energetica che permettano di raggiungere gli obiettivi massimizzando i benefici e contenendo i costi di sistema. Come leva per la decarbonizzazione, il principale strumento europeo è il sistema ETS che tuttavia dalle analisi di scenario non sembra ancora in grado di determinare l'atteso switch coal to gas, rendendo meno convenienti le produzioni a più forti emissioni. Bisognerà quindi monitorare l'evoluzione del mercato nei prossimi anni ed eventualmente ridiscutere il sistema in ambito europeo, prendendo in considerazione anche misure di carbon pricing. A livello nazionale, lo scenario sfidante che si propone prevede il phase out degli impianti termoelettrici italiani a carbone entro il 2030, in condizioni di sicurezza. Sicurezza, flessibilità e adeguatezza dei sistemi e delle infrastrutture è necessario continuare a migliorare sicurezza, adeguatezza e flessibilità delle reti gas ed elettrica, in particolare per integrare quantità crescenti di rinnovabili elettriche, anche distribuite, e “nuovi”2 player di mercato, potenziando e facendo evolvere le reti e i mercati verso configurazioni smart, flessibili e resilienti; gestire la variabilità di flussi e punte di domanda gas e diversificare le fonti di approvvigionamento, anche in un quadro di crescente integrazione dei mercati del gas europei e delle misure di solidarietà regionale.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Terna, piano da 6,2 miliardi per potenziare la rete

Con la rotta puntata sulla rete elettrica nazionale, chiamata a supportare il ruolo dominante nella transizione energetica, Terna è pronta a investire 6,2 miliardi nei prossimi cinque anni per accompagnare l’infrastruttura lungo la strada del
[leggi tutto…]

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]