Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Per il nuovo governo il Tap è inutile
07/06/2018 - Pubblicato in news nazionali

Arrivano le prime spallate a due dei dossier più caldi ereditati dal nuovo governo: Alitalia e il gasdotto Tap. Entrambi sono stati temi di campagna elettorale. Ieri il ministro dell’ambiente Costa ha detto che l’opera verrà revisionata perché considerata inutile, in coerenza con quanto scritto nel contratto di programma del governo M5S-Lega. All’agenzie Reuters, Costa ha detto che “il fascicolo Tap è sul tavolo e lo stiamo già affrontando, con priorità”. Il gasdotto Tap è considerato opera strategica dall’Ue, come alternativa alle forniture di gas della Russia. Il tracciato si snoda attraverso il corridoio Sud con l’obiettivo di portare fino alle coste pugliesi il gas prodotto nel giacimento di Shah Deniz, in Azerbaigian. Lo sta realizzando un consorzio partecipato da Snam (20%), Socar (20%) BP (20%), Fluxys (19%), Enagas (16%) e Axpo (5%). I finanziamenti sono interamente privati, con un impegno complessivo stimato in 4,5 miliardi di euro, compreso un finanziamento Bei di 1,5 miliardi di euro. La Marcegaglia ieri si è espressa a favore dell’opera “Il Tap vuol dire più gas, e questo è un Paese che ha bisogno di meno carbone e più gas”.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]