Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente
15/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

Eni si ritrova insediata a pieno titolo negli Emirati (ad Abu Dhabi e a Sharja), in Bahrain e in Oman. Il Cane a sei zampe ha infatti siglato  una serie di contratti, in particolare sette in quattro Paesi. Ad Abu Dhabi la società è entrata in due aree esplorative marine; in Bahrain in un’altra area marina mentre nello Sharja si è aggiudicata due concessioni a terra. La settima area infine riguarda l’Oman. In tutto si tratta di circa 100.000 km quadrati da cui Eni si aspetta grandi sviluppi, non solo in termini di barili di petrolio, ma anche di impianti per lo sfruttamento di tali risorse. La nuova strategia medio orientale dell’Eni serve per diversificare e abbassare i rischi delle zone più instabili: il baricentro africano si sposterà quindi verso la penisola arabica e verso il Golfo del Messico.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]