Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente
15/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

Eni si ritrova insediata a pieno titolo negli Emirati (ad Abu Dhabi e a Sharja), in Bahrain e in Oman. Il Cane a sei zampe ha infatti siglato  una serie di contratti, in particolare sette in quattro Paesi. Ad Abu Dhabi la società è entrata in due aree esplorative marine; in Bahrain in un’altra area marina mentre nello Sharja si è aggiudicata due concessioni a terra. La settima area infine riguarda l’Oman. In tutto si tratta di circa 100.000 km quadrati da cui Eni si aspetta grandi sviluppi, non solo in termini di barili di petrolio, ma anche di impianti per lo sfruttamento di tali risorse. La nuova strategia medio orientale dell’Eni serve per diversificare e abbassare i rischi delle zone più instabili: il baricentro africano si sposterà quindi verso la penisola arabica e verso il Golfo del Messico.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]