Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Norvegia, via libera a giacimento nell’Artico
06/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Mentre il fondo sovrano norvegese medita di disinvestire dalle società petrolifere, Statoil continua a scommettere sulle estrazioni nell’artico. La compagnia di Stato ha dato via libero allo sviluppo di Castberg, progetto più volte rinviato che oggi vanta costi dimezzati: 49 miliardi di corone (6 miliardi di dollari) invece dei 100 miliardi preventivati in origine, un risparmio che garantisce un ritorno sugli investimenti anche con il greggio a 35 $/barile, contro gli 80$ necessari in partenza. Il giacimento ha riserve stimate di 450-650 milioni di barili equivalenti di petrolio e dovrebbe entrare in funzione nel 2022, compensando in parte il declino della produzione di greggio norvegese, che dal 2000 è dimezzata a circa 1,7 milioni di barili al giorno. Il progetto è il secondo autorizzato nel mare di Barents. Il primo era stato Goliat, giacimento operato dall’Eni, entrato in funzione l’anno scorso ma fermo da due mesi per adeguamenti sulla sicurezza e al centro di discussioni anche sotto il profilo economico, dopo che alcuni analisti ne hanno messo in dubbio la potenziale reddittività.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati –Sissi Bellomo (pag. 40)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]