Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa "Con il Nord Stream 2 Gazprom dominante in Germania"
09/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

“Per la sicurezza energetica, è fondamentale la diversificazione delle rotte e delle fonti. E il Nord Stream 2 non rientra in nessuno di questi due obiettivi fondamentali. Anzi, se sarà costruito, aumenterà la dipendenza dell'Europa da uno dei fornitori e da una delle rotte”. È la dura presa di posizione del commissario europeo all'Energia e Clima, Miguel Arias Cañete, in occasione di un'audizione di fronte al parlamento europeo svoltasi ieri sera. La Commissione, ha detto il commissario, “ha preso atto dell'accordo tra gli azionisti per la costruzione di altri due rami del gasdotto Nord Stream. Come tutti gli altri gasdotti europei, anche questo dovrà rispettare tutte le regole dell'Unione, quelle del Terzo pacchetto ma anche quelle ambientali, di concorrenza e sugli appalti”.Il progetto, ha aggiunto, “prosciugherebbe il transito attraverso l'Ucraina, concentrerebbe l'80% delle importazioni di gas russo su un'unica rotta e porterebbe e una posizione dominante di Gazprom in Germania, portando la sua quota di mercato dal 40 a oltre il 60%. Per questi motivi ci sono seri dubbi sull'allineamento di questo progetto con la strategia europea sulla sicurezza energetica. In questo senso – ha proseguito – è cruciale garantire un transito sicuro attraverso l'Ucraina, da dove oggi passa circa la metà del gas russo che arriva in Europa”. Il punto, ha detto il commissario, è che i tubi che portano il gas dalla Russia oggi sono utilizzati solo al 50%, e questo già eccede di molto il fabbisogno prevedibile dell'Unione. “Voglio sottolineare – ha aggiunto – che la Commissione europea sostiene attivamente tutte le azioni per mantenere il passaggio attraverso l'Ucraina stabile e affidabile. Se fosse costruito, dunque, il Nord Stream 2 non farebbe altro che aumentare questa capacità di trasporto in eccesso”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]