Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa No al petrolio in Basilicata. Il Pd in guerra contro l’Eni
12/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

Sono passati cinque giorni da quando la Regione Basilicata ha fermato le operazioni di “reiniezione delle acque di strato” nel pozzo gestito dall’Eni Costa Molina 2 a Montemurro, provincia di Potenza. E il conto per la compagnia italiana si preannuncia salato: ad oggi si parla tra i 2,5 e i 5 milioni di euro, tra 500mila e 1 milione al giorno. Le operazioni di estrazione del petrolio lucano non hanno mai avuto vita facile ma ora la “sospensione precauzionale” di tre mesi decisa dalla giunta può creare seri problemi alla società e ai lavoratori locali. Il motivo di fondo per cui è stata presala drastica decisione è la presenza, contestata, di una sostanza ritenuta pericolosa nelle acque (cosiddette di strato) che vanno reimmesse nel sottosuolo.

Fonte: Libero – Antonio Spampinato (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]