Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nessuna ripresa delle quotazioni se non si limita l’offerta
03/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Mentre il prezzo del petrolio continua ad essere pericolosamente vulnerabile, nel mercato e tra gli analisti del settore si è diffusa l’idea che sia prossima un’intesa tra grandi produttori per tagliare la produzione. Tutto ciò può essere, ma ci andrei cauto. Tra i tre più grandi produttori del mondo – Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti – solo Riad fino ad oggi ha limitato la produzione. Nondimeno è accusata da tutti gli altri paesi petroliferi di produrre troppo. Quando tutti parlano di possibili intese tra produttori per tagliare qualcosa, il retro-pensiero di tutti i produttori corre sempre all’Arabia Saudita. E’ da lei che ci si aspetta un taglio salvifico. I sauditi non vogliono fare regali a nessuno e non molleranno. Se il petrolio dovesse andare sotto i 25 dollari al barile per un tempo prolungato, forse tutti i produttori si convinceranno della necessità di uno sforzo comune.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Leonadro Maugeri (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]