Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Mozambico fa lo sconto a Eni
06/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Conto meno salato del previsto per Eni in Mozambico. La tassa sul capital gain che il governo di Maputo chiederà alla compagnia petrolifera italiana per la cessione a Exxon Mobil del 25% dell’area 4 sarà sensibilmente al di sotto delle attese, che erano intorno ai 500 milioni di dollari. In realtà applicando l’aliquota del 32% introdotta in Mozambico nel 2014, la cifra sarebbe potuta addirittura lievitare fino a 900 milioni di dollari. Eni invece, come ha lasciato trapelare il ministero dell’Economia e Finanze del Mozambico, se la caverà con 350 milioni di dollari a fronte dell’incasso di 2,8 miliardi di dollari. Secondo il ministro Adriano Maleiane, il governo ha dato il via libera alla cessione e si prevede di girare gli introiti del capital gain in un nuovo fondo sovrano d’investimento, che poi finanzierà i progetti di sviluppo nel settore energetico per conto della società pubblica Enh (Empresa nacional de Hidrocarbonetos) e si alimenterà esclusivamente con i proventi fiscali delle joint venture con le compagnie petrolifere estere. Il closing tra Eni ed Exxon è previsto entro la fine dell’anno, ma potrebbe arrivare anche prima, tra fine settembre e ottobre.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]