Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mozambico all’anno zero, il riscatto passa dal gas
07/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

Il 2019 si prospetta come l’anno di svolta per il Mozambico, destinato ad entrare dell’Olimpo dei principali distributori di energia al mondo grazie ai 150mila miliardi di metri cubi di gas liquido nelle acque nel Nord del Paese. Questo tesoro sottomarino sarà in grado di trasformare il Mozambico in una potenza energetica capace di esportare 20 milioni di tonnellate di gas liquido all’anno. A partire dal 2022, il Paese diventerà il sesto produttore di gas liquido al mondo e il primo in Africa, superando Nigeria e Algeria; solo nella prima fase di estrazione, nelle casse dello Stato entrerà oltre il doppio del Pil nazionale. Grazie all’Eni, l’Italia è il primo investitore europeo in Mozambico: Eni e Anadarko hanno infatti scoperto l’immenso giacimento di gas e, sempre Eni, ha investito 8 miliardi di dollari per acquistare i diritti di estrazione nell’Area 4 del bacino che contiene 450 miliardi di metri cubi di gas liquido. Il rischio maggiore ora è che la regione nord del Mozambico venga destabilizzata da criminali comuni, pronti a lottare con le armi pur di spartirsi i profitti derivanti dal gas. I ricavi derivanti dall’estrazione sono vitali per il futuro del Paese.

Fonte: Repubblica, A&F – Lorenzo Simoncelli (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]