Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mossi&Ghisolfi, colpo in Tunisia
03/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Mossi & Ghisolfi è vicino alla firma di un contratto in Tunisia relativo a un impianto di bioetanolo da oltre 300 milioni di euro. Secondo quanto risulta a MF-DowJones, il gruppo italiano, attivo nell’innovazione applicata al settore del pet, dell’ingegneria e dei prodotti chimici rinnovabili derivati da biomasse non alimentari, fornirà la tecnologia all’impianto di El-Hamma. La tecnologia che metterà a disposizione si chiama Proesa e viene utilizzata per la trasformazione di biomassa non alimentare  in zuccheri fermentabili di alta qualità e a basso costo che serviranno poi per produrre biocarburante. Oggi l’azienda rappresenta il secondo gruppo italiano nel settore chimico, con un fatturato di circa 3 miliardi di euro annui. Quest’anno poi entrerà in funzione in Texas il nuovo impianto M&G Chemicals per la produzione di pet: una volta entrato a regime l’impianto ospiterà il più grande impianto single-site integrato per quanto concerne il pta.

Fonte: MF – Francesco Colamartino (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]