Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mossi&Ghisolfi, colpo in Tunisia
03/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Mossi & Ghisolfi è vicino alla firma di un contratto in Tunisia relativo a un impianto di bioetanolo da oltre 300 milioni di euro. Secondo quanto risulta a MF-DowJones, il gruppo italiano, attivo nell’innovazione applicata al settore del pet, dell’ingegneria e dei prodotti chimici rinnovabili derivati da biomasse non alimentari, fornirà la tecnologia all’impianto di El-Hamma. La tecnologia che metterà a disposizione si chiama Proesa e viene utilizzata per la trasformazione di biomassa non alimentare  in zuccheri fermentabili di alta qualità e a basso costo che serviranno poi per produrre biocarburante. Oggi l’azienda rappresenta il secondo gruppo italiano nel settore chimico, con un fatturato di circa 3 miliardi di euro annui. Quest’anno poi entrerà in funzione in Texas il nuovo impianto M&G Chemicals per la produzione di pet: una volta entrato a regime l’impianto ospiterà il più grande impianto single-site integrato per quanto concerne il pta.

Fonte: MF – Francesco Colamartino (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]