Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mossi&Ghisolfi, colpo in Tunisia
03/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Mossi & Ghisolfi è vicino alla firma di un contratto in Tunisia relativo a un impianto di bioetanolo da oltre 300 milioni di euro. Secondo quanto risulta a MF-DowJones, il gruppo italiano, attivo nell’innovazione applicata al settore del pet, dell’ingegneria e dei prodotti chimici rinnovabili derivati da biomasse non alimentari, fornirà la tecnologia all’impianto di El-Hamma. La tecnologia che metterà a disposizione si chiama Proesa e viene utilizzata per la trasformazione di biomassa non alimentare  in zuccheri fermentabili di alta qualità e a basso costo che serviranno poi per produrre biocarburante. Oggi l’azienda rappresenta il secondo gruppo italiano nel settore chimico, con un fatturato di circa 3 miliardi di euro annui. Quest’anno poi entrerà in funzione in Texas il nuovo impianto M&G Chemicals per la produzione di pet: una volta entrato a regime l’impianto ospiterà il più grande impianto single-site integrato per quanto concerne il pta.

Fonte: MF – Francesco Colamartino (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]