Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mossi&Ghisolfi, colpo in Tunisia
03/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Mossi & Ghisolfi è vicino alla firma di un contratto in Tunisia relativo a un impianto di bioetanolo da oltre 300 milioni di euro. Secondo quanto risulta a MF-DowJones, il gruppo italiano, attivo nell’innovazione applicata al settore del pet, dell’ingegneria e dei prodotti chimici rinnovabili derivati da biomasse non alimentari, fornirà la tecnologia all’impianto di El-Hamma. La tecnologia che metterà a disposizione si chiama Proesa e viene utilizzata per la trasformazione di biomassa non alimentare  in zuccheri fermentabili di alta qualità e a basso costo che serviranno poi per produrre biocarburante. Oggi l’azienda rappresenta il secondo gruppo italiano nel settore chimico, con un fatturato di circa 3 miliardi di euro annui. Quest’anno poi entrerà in funzione in Texas il nuovo impianto M&G Chemicals per la produzione di pet: una volta entrato a regime l’impianto ospiterà il più grande impianto single-site integrato per quanto concerne il pta.

Fonte: MF – Francesco Colamartino (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]