Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dal Mose al gasdotto. Tutte le opere nel mirino dei 5 Stelle. In ballo 133 miliardi
20/05/2018 - Pubblicato in news nazionali

“L’era delle grandi opere inutili è finita”, incalza Luigi Di Maio, dopo l’accordo con la Lega di riconsiderare tutti gli investimenti pubblici (e non solo) sulle infrastrutture. Già condannata a morte la Tav Torino-Lione, ballano almeno cento grandi progetti considerati finora prioritari dal governo. Alcuni sono già finanziati, altri sono ancora indietro. Finora lo stato ha investito 98 miliardi di euro in queste nuove infrastrutture, ma per completarne ne mancherebbero altri 35, secondo i dati contenuti nel Def appena presentato dal Governo Gentiloni. Tra i grandi progetti che il M5S ha sempre osteggiato, oltre al Mose di Venezia, c’è il Tap, il gasdotto transadriatico per il gas dall’Albania alla Puglia, e la Rete Snam, che è la sua prosecuzione verso Abruzzo, Marche ed Emila.

Fonte: Corriere della Sera – Mario Sensini (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]