Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ma Mosca vorrebbe vendere più gas al Dragone
20/01/2016 - Pubblicato in news internazionali

L'alleanza energetica tra i due Paesi era stata suggellata nel maggio del 2014 da un accordo da 400 miliardi di dollari, che prevede la fornitura ai cinesi di 38 miliardi di metri cubi di gas all'anno a partire dal 2018. «Non abbiamo alcun piano per la riduzione», ha detto Dvokovich in riferimento a possibili passi indietro, intervenendo a un appuntamento dell'Asia Society, «Vogliamo aumentare le esportazioni». Nella visione del vice premier, l'aumento dell'export servirà a cementare ulteriormente i rapporti con Pechino, verso la quale la Russia è stata spinta dalle sanzioni imposte in seguito al coinvolgimento nella crisi ucraina e le relative difficoltà economiche. Secondo quanto riportato nei giorni scorsi dall'agenzia di stampa britannica, il progetto di fornitura di gas a Pechino potrebbe comunque slittare al 2020. Una delle questioni irrisolte è l'affidamento della costruzione delle infrastrutture necessarie ad aziende cinesi. I ribassi del rublo avrebbero inoltre influito sui costi di importazione dell'attrezzatura necessaria. L'avvio delle esportazioni potrebbe quindi slittare di due anni.

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]