Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mosca: accordo sul petrolio in aprile, ma senza l’Iran
15/03/2016 - Pubblicato in news internazionali

L’accordo per congelare la produzione di petrolio sarà finalizzato in aprile, con l’Iran esonerato dal partecipare. Così la vede il ministro dell’Energia russo, Alexander Novak , forse l’unico ad avere le idee chiare sui prossimi sviluppi del piano varato un mese fa a Doha dalla stessa Russia insieme ad Arabia Saudita, Venezuela e Qatar. Novak ha probabilmente cercato di scendere a patti con gli iraniani. Ma dopo aver incontrato il suo omologo Bijan Zanganeh, ieri a Teheran, si è dovuto rassegnare alla sua intransigenza. «Siamo d’accordo che l’Iran sia in una situazione particolare,  le sanzioni ne hanno notevolmente ridotto l’output», ha dichiarato il russo. «Comprendiamo in pieno che vogliano accrescere la produzione e recuperare la loro quota sui mercati globali» . I big del petrolio «si coordineranno tra loro», promette Novak, vedendosi tra circa un mese, probabilmente di nuovo a Doha. Ma Teheran, pur appoggiando il piano, «sarà pronta a unirsi» solo quando avrà ripristinato lo status quo: in pratica, come ha chiaramente detto Zanganeh, quando sarà tornata ad estrarre 4 milioni di barili al giorno. 

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]