Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il mistero del barile scomparso. Così i tagli (non) spingono i prezzi
11/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

A due mesi dall’applicazione dell’accordo tra i paesi Opec e non-Opec sui tagli alla produzione, il prezzo del Brent è salito del 15 per cento, superando i 55 dollari al barile. Ma attenzione a non farsi ingannare dalle certezze di Riad, ostentate dal Ministro dell’Energia Khalid al-Falih, che prevede ulteriori rincari da qui a fine anno. Gli investimenti nella produzione delle compagnie petrolifere americane sono già ripresi e le stime di Barclays, basate sui dati previsionali, di oltre 200 petrolieri li danno in aumento del 27% quest’anno, rispetto al 2016. Negli Stati Uniti, in particolare, la produzione di greggio ha svoltato secondo l’Energy Information Administration, che per quest’anno prevede i primi aumenti dalla fine del 2014. Le ultime stime dell’Eia danno un incremento della produzione dell’1,3% nel 2017, a 9 milioni di barili al giorno, smentendo la precedente previsione di un calo dello 0.9%. Un ulteriore aumento del 3,3% a 9,3 milioni di barili al giorno è previsto per il 2018, non solo grazie alla ripresa dei prezzi, ma anche alla migliore efficienza delle tecnologie di perforazione. Exxon ha dichiarato recentemente l’intenzione di aumentare di 1 milione di barili al giorno la sua produzione da shale oil, superando la produzione dalle risorse convenzionali. Chevron a sua volta sembra ben avviata verso la stessa direzione. Da qui derivano i dubbi espressi da molti sull’effetto dei tagli previsti dall’accordo fra paesi Opec e non-IOpec, che dovrebbe portare a una riduzione di 1,8 milioni di barili al giorno.

Fonte: Corriere della Sera, l’Economia – Elena Comelli (pag. 56)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]