Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Misteri italiani: l’occasione persa del gas naturale
10/06/2019 - Pubblicato in news nazionali

L’assenza di governo fa perdere di vista la questione energetica del nostro Paese. Siamo uno dei Paesi dove i prezzi pagati da imprese e cittadini sono i più alti. Siamo nel pieno di una transizione dall’utilizzo di fonti più inquinanti a quelle meno inquinanti possibili. E il gas uno di queste, e l’Italia, che nel sottosuolo dispone di giacimenti di gas, è bloccata nel loro utilizzo. Quasi non fosse importante per i consumi interni, per ridurre la bolletta energetica e per garantirci l’indipendenza. Nel 2018 abbiamo prodotto il 7,5% dei consumi totali, vale a dire 5,4 miliardi di metri cubi. Costretti, d’altra parte, a importarne 68 miliardi. Di questi il 45% arriva dalla Russia; la parte restante proveniva per meno del 30% dall’Algeria e poi con percentuali inferiori da Qatar e Libia. Il gas naturale, pur essendo un combustibile fossile, è stato individuato come il più adatto ad accompagnare la transizione energetica chiamata “decarbonizzazione”, perché in termini ambientali è quella che inquina meno. Sarebbe quindi scontato continuare nell’opera di ricerca e sviluppo, invece che continuare a bloccare le esplorazioni.

Fonte: Il Corriere della Sera -  L’Economia – Daniele Manca (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]