Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Misteri italiani: l’occasione persa del gas naturale
10/06/2019 - Pubblicato in news nazionali

L’assenza di governo fa perdere di vista la questione energetica del nostro Paese. Siamo uno dei Paesi dove i prezzi pagati da imprese e cittadini sono i più alti. Siamo nel pieno di una transizione dall’utilizzo di fonti più inquinanti a quelle meno inquinanti possibili. E il gas uno di queste, e l’Italia, che nel sottosuolo dispone di giacimenti di gas, è bloccata nel loro utilizzo. Quasi non fosse importante per i consumi interni, per ridurre la bolletta energetica e per garantirci l’indipendenza. Nel 2018 abbiamo prodotto il 7,5% dei consumi totali, vale a dire 5,4 miliardi di metri cubi. Costretti, d’altra parte, a importarne 68 miliardi. Di questi il 45% arriva dalla Russia; la parte restante proveniva per meno del 30% dall’Algeria e poi con percentuali inferiori da Qatar e Libia. Il gas naturale, pur essendo un combustibile fossile, è stato individuato come il più adatto ad accompagnare la transizione energetica chiamata “decarbonizzazione”, perché in termini ambientali è quella che inquina meno. Sarebbe quindi scontato continuare nell’opera di ricerca e sviluppo, invece che continuare a bloccare le esplorazioni.

Fonte: Il Corriere della Sera -  L’Economia – Daniele Manca (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]