Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Mise: la Ue vigili sulle tariffe gas franco-tedesche
24/05/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il sottosegretario Davide Crippa, ha inviato una lettera alla Commissione Europea per chiedere “una valutazione urgente sulla coerenza dei regimi tariffare adottati  da Germania  e Francia, rispetto alla metodologia europea in materia di tariffe armonizzate. Infatti, pur in un contesto di crescente integrazione del mercato europeo del gas, in entrambi i Paesi vigono o sono in corso di adozione, regimi tariffari che generano effetti sfavorevoli per i punti di uscita non domestici”. Il riferimento è al raddoppio delle tariffe in uscita dal gasdotto Tenp in Germania verso la Svizzera, e al calcolo degli oneri transfrontalieri applicati dalla Francia, che secondo il segretario  pentastellato portano ad un incremento delle tariffe italiane. “Pur apprezzando e appoggiando pienamente l’impegno della Commissione europea nel definire regole comuni – scrive Crippa – ho chiesto una valutazione urgente sulla coerenza dei regimi tariffari di Germania e Francia rispetto alla metodologia europea, e sugli effetti che tali regimi tariffari determinano sulla sicurezza degli scambi interni al sistema europeo, oltre che sull’approvvigionamento e sulla competitività dei mercati di destinazione, quale è quello italiano”.

Fonte: MF – Angelica Romani (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]