Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mire cinesi sul gas Eni australiano
26/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese. La decisione rientra nella strategia di dismissione degli asset meno strategici così da far cassa per meglio resistere ai contraccolpi della pandemia, che ha portato il gruppo guidato dall’ad Descalzi a ridurre i capex del 25% per quest’anno. Al portafoglio australiano del gas, la cui produzione è destinata al mercato domestico, è attribuito un controvalore di un miliardo di dollari. Il cane a sei zampe è presente in Australia da 20 anni.

Fonte: MF- Angela Zoppo (pag.17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]