Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Messico, opportunità nell’oil&gas
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

La progressiva apertura del mercato energetico messicano vede l’Italia tra i principali attori del processo di liberalizzazione e joint ventures. L’Enel Green Power Messico è presente nel Paese dal 2007 e investirà ancora nei prossimi anni nelle energie pulite circa 1,1 miliardi di dollari con quattro nuovi contratti; l’Eni ha già vinto una gara internazionale per l’esplorazione di idrocarburi nelle acque basse del Golfo del Messico e potrebbe arrivare a investire, secondo le stime dello stesso governo, un miliardo di dollari. Nei mesi scorsi è stato sottoscritto un accordo tra il Ministero messicano dell’Energia ed il Ministero dello Sviluppo Economico per la collaborazione nel settore energetico che darà nuovo impulso alla collaborazione bilaterale. Con il Messico è poi attivo un “Business Council” bilaterale che riunisce le maggiori aziende dei due Paesi. Inoltre le ultime missioni italiane hanno rafforzato il dialogo tra Roma e Città del Messico: la missione dell’ex ministro degli Esteri Ministro Paolo Gentiloni in Messico del marzo 2015, dell’ex premier Matteo Renzi in aprile scorso e del Presidente Mattarella a luglio scorso. Oltre all’Enel nel settore delle rinnovabili e Eni (la prima grande compagnia petrolifera internazionale ad entrare nel mercato messicano) altre aziende italiane sono presenti nel settore: Saipem, Bonatti, SICIM, Sicilsaldo, Maire Technimont, Micoperi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Gerardo Pelosi (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]