Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il mercato del gas rimane compresso tra nuovi paradigmi e vecchi problemi
03/03/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per i prossimi mesi – si legge nell’articolo – si prospettano una serie di elementi potenzialmente negativi per il mercato, tra cui l’elevato livello delle scorte. Bianchini sottolinea, tra l’altro, che negli ultimi mesi il calo del prezzo del petrolio ha trascinato al ribasso anche le quotazioni del gas, nonostante il 2015 abbia segnato, a livello europeo, una ripresa della domanda. La spiegazione di tale andamento asimmetrico è da ricercarsi nei contratti di approvvigionamento europei ed asiatici. Secondo il manager, inoltre, l’aumento di capacità di liquefazione potrebbe fungere da fattore depressivo per il mercato: nel corso del primo semestre 2016 è stimato l’ingresso di circa 50 milioni di mc di nuova capacità di Gnl nell’area pacifica e altri 100 miliardi di mc di nuova capacità di liquefazione potrebbero essere sviluppati nel prossimo decennio.

(Fonte: Milano Finanza)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]