Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il mercato non si fida dell’Opec
02/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Prosegue il ritorno a terra dei prezzi del petrolio dopo l’entusiasmo dello scorso mese in seguito al meeting di Algeri. Giorno dopo giorno le possibilità che l’accordo tra i membri dell’Opec sul taglio della produzione di greggio venga messo in atto sembrano diminuire e le quotazioni del barile scendono di conseguenza. Dal 24 ottobre il prezzo del petrolio Wti è sceso di circa 4 dollari, quasi il 10%, e scambia ora intorno ai 46,7 dollari. Meno deciso il calo del Brent europeo, sceso comunque da quasi 52 a 48,5 dollari al barile nello stesso arco temporale. Il sentimento del mercato è ben rappresentato dall’ultimo report di Goldman Sachs. Secondo gli analisti della banca d’investimento americana, «la mancanza di progressi nella messa in atto delle quote di produzione e la crescente discordia tra i Paesi membri dell’Opec fanno pensare a una probabilità sempre minore di arrivare a un accordo il 30 novembre». Tale opinione è condivisa dai portfolio manager di Pimco. Negli ultimi giorni i rappresentanti dell’Opec hanno diffuso soltanto un documento sulla strategia di lungo periodo del cartello e hanno dichiarato che sono al lavoro anche con la Russia alla finalizzazione dell’accordo annunciato ad Algeri, senza però fare accenni a progressi nella possibile implementazione dell’intesa.

Fonte: MF – Antonio Lusardi (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]