Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il mercato non si fida dell’Opec
02/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Prosegue il ritorno a terra dei prezzi del petrolio dopo l’entusiasmo dello scorso mese in seguito al meeting di Algeri. Giorno dopo giorno le possibilità che l’accordo tra i membri dell’Opec sul taglio della produzione di greggio venga messo in atto sembrano diminuire e le quotazioni del barile scendono di conseguenza. Dal 24 ottobre il prezzo del petrolio Wti è sceso di circa 4 dollari, quasi il 10%, e scambia ora intorno ai 46,7 dollari. Meno deciso il calo del Brent europeo, sceso comunque da quasi 52 a 48,5 dollari al barile nello stesso arco temporale. Il sentimento del mercato è ben rappresentato dall’ultimo report di Goldman Sachs. Secondo gli analisti della banca d’investimento americana, «la mancanza di progressi nella messa in atto delle quote di produzione e la crescente discordia tra i Paesi membri dell’Opec fanno pensare a una probabilità sempre minore di arrivare a un accordo il 30 novembre». Tale opinione è condivisa dai portfolio manager di Pimco. Negli ultimi giorni i rappresentanti dell’Opec hanno diffuso soltanto un documento sulla strategia di lungo periodo del cartello e hanno dichiarato che sono al lavoro anche con la Russia alla finalizzazione dell’accordo annunciato ad Algeri, senza però fare accenni a progressi nella possibile implementazione dell’intesa.

Fonte: MF – Antonio Lusardi (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]