Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Meno oil, più hi-tech: così i fondi sovrani “ruotano” il portafoglio
28/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Nei giorni scorsi il fondo sovrano norvegese ha comunicato l’intenzione di voler liquidare le partecipazioni nel settore petrolifero. Con un portafoglio di circa mille miliardi di dollari di controvalore Norges Bank Investment Manager è il maggior fondo sovrano al mondo che ha come obiettivo quello di reinvestire i proventi derivanti dalla vendita del petrolio. Il peso del settore energia nel portafoglio azionario del fondo è intorno al 5% del totale. Diversificare il più possibile d’altronde è diventata una strada obbligata per i fondi sovrani dei Paesi produttori dopo il crollo dei prezzi del greggio tra il 2014 e il 2016. Un tracollo i cui effetti sarebbero stati comprensibilmente limitati se Norges, per esempio, non avesse avuto quote rilevanti nell’azionariato di tutte le grandi società petrolifere mondiali (Eni compresa). Se finora i fondi sovrani si sono limitati a investire altrove con la scelta di Norges di disinvestire le proprie partecipazioni nel settore siamo di fronte a un chiaro cambio di passo.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Andrea Franceschi (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]