Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mega progetti sauditi ovunque
09/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Una smart city di nome Neom da 500 miliardi di dollari. Un impianto fotovoltaico con SoftBank da 200 miliardi di dollari, un accordo con l’Egitto per una seconda smart city da 10 miliardi di dollari, una raffineria da realizzare con tre società indiane che vale 44 miliardi di dollari, una raffineria in Malesia da 7 miliardi di dollari per un complesso in cui trattare i prodotti petrolchimici. Tutti i progetti sottoscritti da Riad valgono 766 miliardi di dollari. Il fondo sovrano dell’Arabia Saudita, il veicolo di investimento del governo, ha un patrimonio gestito di 250 miliardi di dollari, non abbastanza per cofinanziare i contratti di Riad. Una delle carte da giocare per Riad è la quotazione di Aramco. Sarà l’ipo più grande di sempre. La compagnia petrolifera nazionale dell’Arabia Saudita ha un valore di 2 trilioni di dollari, il doppio di Apple e trenta volte Eni. Aramco avrebbe bisogno che il petrolio venga scambiato a 120 dollari americani entro il 2023 per arrivare realmente al valore di 2 trilioni di dollari Usa. Con il petrolio a 64 dollari al barile, Aramco varrebbe solo 1,1 trilioni di dollari.

Fonte: ItaliaOggi – Giusy Caretto (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]